Torre Aragonese

Itinerari. Storia, artigianato e sapori del territorio di Orani torna alla home

TORRE ARAGONESE (Campusantu Vetzu)

La chiesa dedicata a Sant’Andrea Apostolo la rendono poco più di un rudere di difficile lettura. L’ipotesi di datazione più convincente ne ascrive la fabbrica a un periodo compreso tra la fine del XVI e gli inizi del XVII secolo.

La chiesa doveva avere pianta a croce greca, in accordo con l’intitolazione a Sant’Andrea. Si individuano tracce di cappelle voltate sia a botte sia a crociera. La chiesa è realizzata con pietrame misto tenuto insieme da malta e ricoperto di intonaco, tranne stipiti e architravi delle porte laterali, in pietra vulcanica a vista.

La facciata, originariamente a spioventi, in seguito fu modificata con una terminazione piatta e merlata, in linea con le istanze formali nell’isola nel XVII secolo. Al centro si apre il portale principale, sovrastato da un arco di scarico a sesto acuto, anch’esso modanato, all’interno del quale si trova un concio scolpito raffigurante la croce di Sant’Andrea. Alla sommità del timpano triangolare si colloca una croce polilobata. In corrispondenza dei tre portali si aprivano finestre.

La parte meglio conservata dell’edificio è il campanile a pianta quadrata, in conci di pietra vulcanica perfettamente squadrati, scandito in sei livelli da sottili cornici sagomate e terminante in una guglia a gattoni. Nella parte alta si aprono slanciate monofore a sesto acuto.

COME ARRIVARE

Orani si trova a circa 24 km da Nuoro, lungo la SS 128 in direzione Sarule-Gavoi. Le rovine dell’antica chiesa di Sant’Andrea Apostolo si trovano nella periferia Sud Ovest, lungo la salita che conduce al nuovo cimitero.

 

 

Fonti e Bibliografia

Arch. Laura Pintus – Tesi di Laurea

Foto Gallery

Arch. Laura Pintus – Tesi di Laura Pintus – Fotopiani interni ed esterni della struttura

3D Model – Lapide

La lapide si trova all’ingresso a destra. Attivando la luce nel visualizzatore si possono far risaltare le lettere. Le incisioni dovrebbero recitare:

Parte sinistra – “Implorate eterno riposo all’anima di Maria Itria Mura al doloroso parto la cui salma fu qua deposta – 18 Maggio 1871”

Parte destra – “Gioacchino Fadda all’affettuosa consorte e figli alla tenera madre pegno di perpetua memoria – pace”