Chiesa dello Spirito Santo

Itinerari. Storia, artigianato e sapori del territorio di Orani torna alla home

CHIESA DELLO SPIRITO SANTO (S’Ispiridu Santu)

Appare per la prima volta in un testamento del 3 luglio 1696. L’edificio, privo di valore artistico, è situato in una conca fertile, in un’area caratterizzata da un’alta densità di nuraghi. E’ ancora adibita al culto.

La struttura fa parte delle chiese campestri del Comune di Orani che si presentano un impianto a navata unica, scompartita da archi-diaframma a sesto acuto e volta a botte spezzata oppure a tetto ligneo. La parte absidale non è però impostata secondo i canoni della capilla mayor catalano-aragonese[1]; navata e abside fanno parte di un unico spazio indifferenziato, non vi è, qui, quella  soluzione di continuità di cui s’è parlato per le chiese maggiori. Costruzioni molto modeste, non hanno subito l’influsso dei canoni stilistici adottati negli edifici di culto interni all’abitato, quasi sicuramente a causa della scarsità di mezzi finanziari; sono dunque rimaste legate sia a un modello costruttivo autoctono, facilmente realizzabile con pochi mezzi e da manodopera non specializzata, sia a un modello spaziale non ancora influenzato dagli apporti catalano-aragonesi, ed esso precedente.

[1] Cap. 1.3 della tesi di laurea Arch. Laura Pintus.

FONTI E BIBLIOGRAFIA

Arch. Laura Pintus – Tesi di Laurea